slot gacor slot terpercaya selotgacorku slot gacor slot terbaik slot gratis slot gacor slot dana terbaru data hk slot deposit pulsa tanpa potongan slot gacor slot gacor slot gacor GIORGIA NADIZAR – Donne che programmano il futuro
Via del Quadraro 102, 00174 Roma, Italia
+39 06 42014109
+ 39 06 42000442

GIORGIA NADIZAR

Vorrei che chiunque avesse l’opportunità che ho avuto io per aprire gli occhi e magari appassionarsi a qualcosa che non aveva nemmeno preso in considerazione prima. Spesso, infatti, si escludono certe strade solo perché non si conoscono e si ha paura di fare un salto troppo grande nel vuoto.

Fin da piccola, quando mi chiedevano cosa avessi voluto fare da grande rispondevo mestieri legati alle scienze e alla matematica. A 23 anni sono fiera di non aver tradito quella bambina curiosa e determinata: ho completato la Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica e Informatica e sto frequentando un corso di Laurea Magistrale nello stesso ambito.

Il mio percorso non è quello classico di chi vede un computer e se ne innamora al primo uso, tanto che inizialmente mi ero iscritta al curriculum di Ingegneria Biomedica. È bastato un solo corso universitario di programmazione, però, a farmi scoprire un mondo e a farmi cambiare l’idea di percorso futuro che mi ero fatta fino a quel momento.
Per questo ho deciso di partecipare a Coding Girls: vorrei che chiunque avesse l’opportunità che ho avuto io per aprire gli occhi e magari appassionarsi a qualcosa che non aveva nemmeno preso in considerazione prima. Spesso, infatti, si escludono certe strade solo perché non si conoscono e si ha paura di fare un salto troppo grande nel vuoto.
Un occhio di riguardo va poi alle bambine, alle ragazze e alle donne perché troppo spesso a lezione mi sono trovata ad essere l’unica in un’aula popolata di soli uomini: vorrei poter fare qualcosa affinché le cose nel futuro cambino.
Sogno che le bambine di oggi non si sentano delle rarità a scegliere una disciplina STEM e, cosa ancora più importante, che nessuna debba mai temere di essere inferiore ai suoi colleghi uomini solo perché donna.

Leave a reply